Newsletter :

Newsletter in lingua italiana:

 

Se desideri ricevere la newsletter in francese, visita il sito in lingua francese.

 

Inviare a un amico

Scrivi parecchi indirizzi su linee diverse o separati da virgole.
Palmarès Francofilm 2019
(Il tuo nome) ti ha inviato una pagina del sito Institut français - Centre Saint-Louis
(Il tuo nome) vorrebbe condividere questa pagina con te:
   

Cinema

Giovedì 14 Marzo > Mercoledì 27 Marzo
 
Auditorium, largo Toniolo 22

Palmarès Francofilm 2019

 

ALBANIA e ROMANIA premiati alla X edizione del Francofilm, Festival del Film Francofono di Roma, organizzato dall’Institut français – Centre Saint-Louis in collaborazione con le Ambasciate e rappresentanze diplomatiche di paesi membri dell'Organizzazione Internazionale della Francofonia.

In data 14 marzo 2019 la giuria del festival Francofilm ha assegnato il Gran Premio della Giuria. al film albanese THE DELEGATION di Bujar Alimani, e il grande vincitore del Premio del Pubblico è stato il film rumeno UN PAS IN URMA – ONE STEP BEHIND THE SERAPHIM di Daniel Sandu.

13 paesi hanno partecipato al Francofilm, 13 film provenienti da: Albania, Armenia, Belgio, Bulgaria, Canada-Québec, Costa d’Avorio, Francia, Lussemburgo, Mali, Marocco, Romania, Svizzera e Tunisia.

Il Francofilm, che festeggia quest’anno la X edizione, intende mettere in rilievo la diversità e la ricchezza della produzione cinematografica dei paesi francofoni. La programmazione di grande qualità permette in tal modo di svelare numerosi inediti in Italia e di conversare con i registi e gli amanti del cinema. Più di 1500 persone hanno partecipato a questo evento.

La giuria del festival era composta da Romano Milani, presidente della giuria, Segretario Generale del Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani, da Maite Bulgari, Membro del Consiglio di Amministrazione di Cinecittà Istituto Luce, e da Antonio Flamini, Direttore artistico del Roma Africa Film Festival (RAFF). La scelta convergeva sul film albanese per le seguenti ragioni: “Partendo da un paradosso – un intellettuale dissidente dovrebbe testimoniare di fronte a una commissione europea sul rispetto dei diritti umani a favore del regime che lo tiene chiuso in carcere da anni – lo scenario si concentra sul clima ideologico e sociale del momento in cui (è il 1990) il sistema che ha sostituito solo apparentemente la dittatura, vacilla. Il provocatorio pretesto narrativo è sviluppato in crescendo, grazie all’accorta e misurata regia. Inatteso l’esplosivo colpo di scena finale che sovverte la trama mistificatrice lasciando tutti – politicamente parlando – in mezzo alla strada. Esemplari le interpretazioni di protagonisti e comprimari.”

Dopo la serata di premiazione, è stato proiettato il film “La promesse de l’aube” di Eric Barbier in collaborazione con I-Wonder Pictures, la cui uscita nelle sale italiane è stata il 13 marzo 2019. La serata si è conclusa con un Dj set in compagnia di Alexander Darkish e Simona Faraone.

La festa della francofonia prosegue mercoledì 20 marzo alle ore 20 una serata musicale all’insegna della poesia con due artisti portavoce della Francofonia: Émile Proulx-Cloutier, autore, compositore e interprete (Québec) e Capitaine Alexandre, poeta slameur (Francia/Cameroun).

Il Francofilm è patrocinato dal Festival International du Film Francophone de Namur (FIFF) e dal Comune di Roma. E’ organizzato con il sostegno del Gruppo delle Ambasciate francofone a Roma, Air France, e in collaborazione con IF-Cinémathèque Afrique, Romafrica, Cineclub internazionale, I-Wonder pictures, Media-partner: Tv5 monde, Cinecittànews, Libera università del cinema.

   
 
         
 

Block mini diaporama

 

Seguici su:

  Facebook Flickr Dailymotion